Alla fine è successo. Dipendenti comunali senza stipendio. Non sappiamo quante volte abbiamo messo in guardia l’amministrazione comunale sul disastroso andamento dei conti.

senza-stipendio.jpg

Campanello d’allarme già sollevato in merito ai contributi previdenziali non versati. 

Noi non ci occupiamo di economia in senso stretto, ma di politica e il problema di questo storico momento cui certo non si può andare fieri lo vogliamo analizzare in quest’ottica.

Ora facciamo una ipotesi, mettiamo che l’assessore A. ha bisogno di un provvedimento urgente sia emesso dal dirigente B., la domanda è: con quale faccia l’assessore A che non prende emolumenti di nessun tipo in Arienzo, ma ha il suo di lavoro, quindi mette il piatto a tavola, va dal dirigente B che non riceve uno stipendio ma al lavoro ci va lo stesso?

Ci spiace ma bisogna puntare il dito. Questa amministrazione che è continua con quella precedente ha fallito e non ha alcun tipo di soluzione davanti. Infatti l’idea di questi amministratori era prendere i soldi che dovevano andare alla All Rent Service e darli ai dipendenti comunali. Cioè non paghiamo dei lavoratori per pagare altri lavoratori. Operazione che non è andata in porto in quanto i soldi della All Rent non sono sufficienti a coprire quelli dei dipendenti. Perché in tutto questo nemmeno la All Rent Service è stata pagata e si parla pure di organizzare uno sciopero.

Amministrazione che “governa” dal 2014, eccettuati un paio di mesi del 2016, per la prematura fine della prima amministrazione Davide Guida. Non pensiamo che il commissario abbia creato quel dissesto che oggi il comune paga.

Politica economica fallimentare. 

Con tutto il rispetto non vediamo come si possa lanciare con un comune in questo stato una iniziativa come NataleèFavola! Invece di litigare con tutto il mondo creato, vedi Pro Loco, non era meglio viste queste antiche problematiche economiche appianare le divergenze invece di buttare benzina sul fuoco?

Esiste secondo noi una sola soluzione purtroppo per uscire da questo pantano: dichiarare il pre-dissesto. 

Noi speriamo che il sindaco non stia cercando di “sopravvivere” per arrivare a candidarsi alle regionali del prossimo anno e lasciare poi la patata bollente all’eventuale neo commissario per poi addossare su costui tutte le “colpe”.

Speriamo che questa ipotesi sia dovuto solo alla nostra capacità di pensar male di tutto.


MANCANO 51 GIORNI AL PUNGIGLIONE D’ORO