Avevamo promesso al nostro lettore che saremmo tornati sulla decisione della giunta di Santa Maria a Vico riguardo gli sgravi per il ticket mensa scolastica.

buono_pasto.jpg

Dunque senza andare troppo per le lunghe il comune di Santa Maria a Vico ha deciso di concedere l‘esenzione del pagamento buono pasto agli alunni diversamente abili frequentanti le scuole del comune e agli alunni residenti appartenenti a nuclei familiari con un reddito ISEE inferiore a 2000€.

Siamo davvero contenti di questo provvedimento che ci pare vada nella giusta direzione che noi abbiamo sempre chiesto che l’ente comune adottasse. Si tratta di una questione di civiltà né più né meno. La mensa scolastica non è però soltanto un servizio complementare, come pure viene detto nella delibera, ma fa parte di tutto il sistema di insegnamento al pari delle materie che vengono insegnate.

Ecco perché ci siamo sempre lamentati che partire in “orario” con la mensa non era abbastanza, ma il minimo sindacale, ma addirittura si facevano i comunicati stampa! Questo provvedimento adottato va davvero salutato con positività.

Ecco ci piacerebbe conoscere il numero poi dei richiedenti perché al momento il numero coperto di domande è di 30 e nel caso siano superiori allora vi sarà una graduatoria con priorità per gli alunni disabili, poi le famiglie numerose con almeno tre figli che usufruiscono del servizio, poi quelle con 2 figli, poi i nuclei monogenitoriali.

Secondo noi deve essere considerato questo un inizio e che le categorie sopraindicate noi speriamo che con il tempo siano tutte esentate. Ecco perché sarebbe davvero interessante conoscere il numero dei richiedenti.

Ovviamente essendo questo blog denominato pungiglione non possiamo non farlo un pensiero cattivo. Visto il momento in cui viene concepito l’atto – metà Ottobre – in pratica ci pare un qualcosa non proprio di meditato, ma forse saremmo troppo cattivi, ma ci pare un provvedimento pensato in ottica più elettorale che sociale. Anche perché trattasi di 14.000€ soltanto. Non ci si venga a dire che questo sia uno sforzo per le casse perché poi snoccioliamo la corona eh! Quindi si poteva pure pensarci prima, ma meglio tardi che mai.

Quindi, lo ribadiamo con piacere, questo è certamente una delle migliori cose che l’amministrazione Pirozzi abbia fatto in questi suoi cinque anni di “governo”.

Il testo della delibera: DELIBERA ESENZIONE MENSA