Enigma-e-soluzione-immagine.jpg

Ritorniamo sulla questione della capigruppo del mistero di San Felice a Cancello. 

Ieri quando abbiamo scritto il nostro articolo in merito abbiamo volutamente omesso un particolare, questo nella speranza che i protagonisti della capigruppo ci rispondessero e ponessero fine a qualsiasi illazione di irregolarità.

Siccome anche oggi leggiamo che il capogruppo Bernardo del Movimento 5 Stelle chiede al sindaco Giovanni Ferrara chiarimenti in base ai punti non accolti nell’odg del prossimo consiglio comunale del 7 Ottobre, chiediamo non al sindaco che non centra nulla in questa situazione, ma al presidente del consiglio comunale Colella: è stato redatto un verbale? Cosa dice in merito?

Ecco, se Bernardo vuole sapere che è successo perché non si fa dare il verbale della seduta e lo rende pubblico? Bernardo ha asserito un paio di giorni fa su Fb che la riunione della capigruppo è stata svolta in modo non ortodosso. Ok, qualsiasi cosa questo significhi, ci può spiegare esattamente in che modo?

Bernardo dovrebbe sapere che il sindaco è un organo del comune, non il padrone, e quindi non può essere a conoscenza e nemmeno è tenuto a sapere tutto ciò che fanno gli altri organi. La capigruppo è espressione del consiglio comunale e dovrebbe essere a Corrado Colella chiesti i motivi. Certo può essere che il sindaco sia a conoscenza del “complotto” (siamo ironici) ai danni dei 5 Stelle, ma ufficialmente non sta scritto da nessuna parte che sia tenuto a saperlo.

Ma il punto sta sempre lì: il verbale!

E’ stato redatto? Domanda retorica, certo che sì, altrimenti effettivamente siamo in presenza di un fatto poco ortodosso. Chi era presente alla capigruppo? Come si è svolta la riunione? Cosa importante visto che Bernardo lamenta anche il fatto che sono stati inseriti punti non discussi.

Si tratta del buon nome non solo della istituzione consiglio comunale, ma anche delle singole persone che ne fanno parte. Ci meraviglia che il leader dell’opposizione cittadina lanci delle accuse tanto gravi e nessuno ritiene di dovergli dare una risposta a tono.

Ci meraviglia anche che il leader dell’opposizione non prenda il verbale e se trovi delle irregolarità, lo contesti nelle sedi opportune, anche perché il verbale della seduta da che mondo e mondo è firmato da tutti i presenti.

Purtroppo vi è questa curiosa prassi dei comuni suessolani nel non pubblicare i verbali delle sedute delle commissioni e non ne capiamo il motivo, purtroppo non è possibile reperire questo verbale. Nella speranza che esiste chiediamo a Bernardo di richiederlo e pubblicarlo in modo che tutti possano essere a conoscenza di ciò che è successo.

Ma domanda d’obbligo: esiste un verbale?


 

Annunci