Il sindaco Davide Guida cui ringraziamo sempre per il contributo e diciamolo chiaramente per la considerazione che ha di questo piccolo blog, ci ha inviato tramite mail una sua risposta in merito al nostro articolo riguardante l’ultimo consiglio comunale.BUDDHA.jpg

Ci scusiamo con il sindaco e il nostro lettore per la pessima formattazione ma wordpress ha deciso che ci deve creare problemi e non abbiamo le capacità tecniche per risolverlo, anche se ci proveremo lo stesso nel corso della giornata a rendere il testo più facilmente leggibile.

Ci riserviamo una risposta, che pubblicheremo a breve.

Ecco il testo inviatoci:

In relazione al consiglio comunale di mercoledì 4 settembre, per quanto riguarda la mozione relativa alla Pro Loco, in prmis si riporta parte della PEC del 23/02/2019, inviata dal Sindaco alla Pro Loco, relativa alla nomina del nuovo Consiglio Direttivo:

Il sottoscritto Guida Davide, in qualità di Sindaco pro tempore del comune di Arienzo,
viste le ripetute irregolarità, che si sono perpetrate dopo le votazioni dei nuovi Organi nell’assemblea elettiva del 13 gennaio 2019, che sinteticamente ma non esaustivamente si elencano:
  • nomina del sig. Cangiano Domenico nel Consiglio Direttivo, contrariamente a quanto previsto dall’art. 16 comma 4 dello Statuto della Pro Loco, dato che lo stesso svolge il ruolo di consigliere comunale di Arienzo;
  • nomina del sig. Cangiano Domenico a Presidente della Pro Loco, in sfegio al suddetto articolo statutario;
  • mancata surruga del sig. Cangiano Domenico, come previsto dall’art. 10 comma 11 dello Statuto;
  • dichiarazione di autosospensione del sig. Cangiano Domenico, punto 3 dell’odg della convocazione dell’Assemblea Straordinaria del 25/02/2019; l’autosospensione non è contemplata in nessuno articolo statutario, ma sarà attuata giusto il tempo di modificare lo Statuto (punto 4 all’odg della convocazione dell’Assemblea Straordinaria), per, poi, fare rientrare il sig. Cangiano nel Consiglio Direttivo con il ruolo di Presidente;
premesso che il sottoscritto, nell’interesse della comunità arienzana, ha chiesto un incontro con il Consiglio Direttivo per discutere e superare le suddette irregolarità; la quale cosa non è stata possibile nonostante l’impegno del vicepresidente Morgillo Vincenzo;
tenuto conto del Protocollo d’Intesa sottoscritto dall’ente da me rappresentato con la Pro Loco di Arienzo;
si informa
l’Assemblea dei Soci, l’UNPLI Regionale e Provinciale che, se la situazione non cambierà, l’ente Comune romperà il Protocollo d’Intesa, non condividerà alcuna manifestazione e non protocinerà nessuna attività della Pro Loco, dato che non può mantenere rapporti ufficiali con un’associazione che non rispetta la legalità e lo Statuto che si è dato.
Si resta, comunque, a disposizione per un confronto costruttivo, sempre e soltanto, nell’interesse della comunità arienzana.

La suddetta comunicazione, come si evince, è stata inviata 2 mesi prima di sciogliere il protocollo d’intesa con la Pro Loco da parte della Giunta, dato che non è stato possibile aprire un dialogo, come richiesto sia nella comunicazione che personalmente dal Sindaco al vicepresidente.
Segnaliamo tutte le imprecisioni riportate nel vostro articolo:
– la comunicazione del Sindaco alla Pro Loco del 23/02/2019 è stata letta in consiglio comunale;
– la discussione sulla mozione è stata pagata e tranquilla, come potranno confermare tutti i presenti nell’aula consiliare;
– il punto non sono le dimissioni di Cangiano da presidente della Pro Loco, ma la modifica dello statuto avvenuta il 25/02/2019 che consente ad un consigliere comunale, diversamente dal precedente statuto, non solo di essere presente nel direttivo della Pro Loco, ma di potere essere anche il Presidente; quindi, nessuna questione di ‘carattere personale’ o ‘capriccio’ ma una questione di sostanza, dato che in futuro, chiunque, potrà essere consigliere comunale, anche Sindaco, e Presidente della Pro Loco.
Informiamo che il Sindaco e il consigliere, e presidente della Pro Loco, Cangiano, visti i buoni rapporti personali, si sono accordati per incontrarsi e cercare di risolvere la questione nell’interesse di tutti.
Restiamo allibiti, ancora una volta, della ‘fantasiosa’ ricostruzione del caro blogger Ferrara che, trovandosi in Francia e non potendo partecipare al consiglio comunale, scrive cose che non corrispondono al vero e gli consigliamo di cambiare ‘informatore’.

nerolo
Annunci