consiglio comunale settembre 2019Consiglio comunale stasera ad Arienzo con alcuni punti interessanti all’ordine del giorno.

Il primo è chiaramente l’entrata in consiglio dell’ing. Francesco Crisci. Chiaramente sono due cose che ci interessano in particolar modo. La prima sarà la collocazione, rimarrà in Arienzo Bene Comune oppure entrerà nel misto? Soprattutto sarà interessante vedere che tipo di opposizione farà, visto che Crisci fu eletto nella prima amministrazione Guida e poi si staccò creando Arienzo Condivisa per poi far cadere quell’amministrazione e si presentò subito dopo con Peppe Guida nel progetto di Arienzo Bene Comune. Sui palchi all’epoca fu molto battagliero, ogni comizio in pratica fu un j’accuse, poi come sappiamo è andata come è andata e cioè con una vittoria netta di ArienzoèTua. Anche se poi quella vittoria così netta non si è mai tramutata in tranquillità amministrativa, vedremo se Francesco Crisci vorrà e saprà dare uno scossone.

Altro elemento interessante è la mozione di Cangiano-Medici per quanto riguarda la richiesta di eliminare la revoca al protocollo d’intesa che fu stipulato nell’ottobre del 2018, mentre la Giunta appunto revoco tale intesa nell’Aprile del 2019. Che uno poi si chiede ma se ad Ottobre comune e pro loco hanno protocollato una intesa com’è mai possibile che ad Arienzo il tutto si rompe? Che sarà mai successo?

Boh!

Secondo noi il classico atteggiamento alla Mr Hyde del sindaco Davide Guida che in questo secondo mandato è completamente opposto al primo Davide Guida in versione dr,Jekyll che ci piacque tanto. In pratica in questa versione di se stesso, il sindaco quando qualcosa non procede secondo i suoi piani, rompe, spacca, distrugge, defenestra ecc..

Con la Pro Loco -secondo noi sia chiaro- pensiamo sia successo la stessa cosa, e l’unica cosa che in queti mesi di rilevante c’è stata è la elezione a presidente di Domenico Cangiano, già consigliere di opposizione, cosa che non aggrada manco noi in quanto riteniamo che presidente  di una pro loco e consigliere comunale siano ruoli da tener distinti. Non pensiamo che il sindaco sia mosso comunque da tale preoccupazione probabilmente sperava in altro presidente, chissà, a pensar male si fa peccato …

In verità, a memoria andiamo, ma ci pare che il Sindaco inviò una nota alla pro loco in base a qualche criticità, non conosciamo il contenuto di quella nota sarebbe bello fosse resa pubblica, e la pro loco pare non rispose e da lì la revoca. Ma senza conoscere il contenuto di quella nota, per noi rimane quella revoca un capriccio, uno dei tanti del sindaco Mr Hyde.


nerolo

clicca sul logo

Annunci