poc

Abbiamo trovato una cosa alquanto curiosa surfando per la rete. Dunque sembrerebbe che la Regione Campania vista l’ampia partecipazione dei comuni fra i soggetti beneficiari del finanziamento a valere sui fondi Poc 2014-2020 che in pratica riguardano le attività culturali e tenuto conto che la regione può in qualsiasi momento può revocare tali finanziamenti e non vi è alcun obbligo dell’amministrazione regionali nei confronti dei comuni interessati … insomma per non portarla per le lunghe ci pare di capire che la regione ha ridotto i finanziamenti per alcuni attività culturali per allargare la base dei comuni richiedenti.

Ora se abbiamo capito bene,  non è facile districarsi nel politichese delle determine dirigenziali della regione, non vi sono più soldi per finanziare i progetti culturali. Ma soprattutto i progetti già realizzati saranno poi onorati? Non è molto chiaro e ci farebbe piacere che i vari assessori alla cultura dei 4 comuni della Valle di Suessola ci dicessero qualcosa in merito, in quanto potrebbero tali eventi pesare sui bilanci comunali.

Per esempio l’evento Santa Maria tra cultura, storia e folklore che fine fa? Cervinolio? 

Fortunatamente ci pare di capire che l’evento del matrimonio di Giovanella Stendardo appena celebrato in Arienzo non ha subito modifiche di sorta.

E’ chiaro che se la nostra interpretazione è giusta la vediamo come una enorme sciocchezza. Infatti non si può modificare in questo modo senza aver sentito poi i sindaci interessati, stiamo parlando di somme che comunque dovranno essere coperte, quindi si va poi a influire sui bilanci, ma soprattutto si manca di serietà.

Noi ripetiamo speriamo che gli eventi culturali che riguardano la Valle di Suessola non siano stati toccati particolarmente, ma dubitiamo a questo punto, speriamo che qualcuno ci risponda per capire meglio e soprattutto eventualmente come fare fronte ai minori introiti.

DECRETO_DIRIGENZIALE_DIP50_12_N_282_DEL_09_08_2019


 

 

Annunci