rugrats

Diciamola tutta non c’è mai pace per la giunta arienzana che cambia ancora, stavolta un po’ a sorpresa. Viene fatto fuori Mattia Vigliotti ex oramai assessore esterno espressione U.G.A., che insomma non fu agevole trovare, si arrivò all’epoca al suo nome dopo una lunga trattativa. Al suo posto Francesco Crisci ex(?) U.G.A.

Cosa sta succedendo?

Possibile mai che una singola mozione del Partito Democratico abbia creato tutto questo scompiglio?

Sì perché non riusciamo a capirle proprio queste motivazioni del sindaco Guida, anche perché forse non è neanche la mozione ad aver innescato l’uscita di Vigliotti, visto che lo stesso neo assessore Francesco Crisci ha protocollato appena qualche giorno fa una dichiarazione di consenso alla mozione del Pd!

Certo anche Vigliotti ha commesso un errore strategico nel legare la propria permanenza in giunta in base alle dimissioni eventualmente presentate da Francesco Crisci, rimettendo comunque al sindaco Guida la decisione se revocarlo o meno, un no sense.

Il sindaco li ha presi in parola e ha revocato l’incarico affidandolo proprio alla persona cui l’U.G.A. aveva preso le distanze ultimamente. Dobbiamo dire che la capacità di Davide Guida di bruciarsi la terra intorno è fatta con devota meticolosità costante.

Ci sorprende comunque il silenzio assordante dell’Unione Giovani Arienzani, così pronti a reagire alle nostre critiche, ma a quanto pare sono forse ancora scioccati da questa decisione che non si aspettavano. Povere stelline.  Lo abbiamo già detto in passato e ve lo ripetiamo: ma Francesco Crisci è mai stato veramente vostro riferimento? Siete proprio sicuri che non era di qualche altro? Ecco perché è stato un errore quello di Vigliotti di legare la sua poltrona a quella di F.Crisci, avrebbe dovuto dimettersi. Ora che farà l’U.G.A. dopo aver ringraziato il sindaco per questo e quello e pure quell’altro?

Immaginiamo l’U.G.A. farà opposizione esterna, ma politicamente in posizione debole, perché sembrerà a noi, ma anche ai più, un’opposizione da ripicca, da perdita di poltrona, tutto qua. Insomma cotti e mangiati.

Visto che ci siamo facciamo una piccola precisazione riguardo l’altro Francesco Crisci, l’ingegnere, sembra che le dimissioni della Morgillo non siano state correttamente presentate. Siccome non ci vuole una laurea immaginiamo vi sia qualche estremo tentativo di dialogo con la maggioranza, siamo cattivi lo abbiamo detto?

Un piccolo pensiero a Gioconda Lettieri e a chi è dietro di lei, la notte di san Lorenzo è appena passata siamo certi che il suo, vostro, desiderio di entrare in giunta si potrà realizzare, non tanto per il rispetto di accordi esistenti o meno, ma il sindaco ha la capacità di litigare con tutto il mondo creato, basta attendere il prossimo Davide furioso.


 

 

 

Annunci