Sempre parlando di consiglio comunale ci eravamo lasciati ieri dopo le nostre conclusioni sul pessimo art.20 dello Statuto sulle questioni puramente economiche.

Dopo la relazione di Michele Nuzzo è Giancarlo Bernardo a costatare come a suo dire l’amministrazione utilizzi l’avanzo di spesa per coprire le spese correnti.

Secondo Bernardo vi è una cronica incapacità dell’ente di assicurare i servizi essenziali-e quindi il suo funzionamento. Ancora in questi ultimi anni le spese correnti sono superiori all’entrate correnti che servono per coprirle e quindi si è in perenne disavanzo corrente.

Bernardo ha poi come si può vedere nel video parlato delle strade e determine particolari che riguardano Via Appia chiamando in causa in pratica il dirigente Ferrara.

Non ci soffermiamo sul contenuto che ci pare siamo sul chi la vuole cotta e chi cruda, ma ci soffermiamo sulla forma. Ancora una volta il dirigente si alza e va a prendere il microfono per “difendere”un lavoro svolto, tutto questo parlando fisicamente dai banchi della maggioranza. E’ una formula questa assolutamente irrituale. Il consigliere ha tutto il tempo per chiedere per iscritto al dirigente quali sono le sue perplessità in merito un determinato punto, ma il consiglio comunale è il luogo della discussione politica e se l’opposizione dovesse sostenere, pure a torto, che il dirigente ha fatto male il suo lavoro, nella dialettica democratica sarà la maggioranza a sostenere il lavoro del dirigente. E viceversa ovviamente. Ma come al solito sembra assistersi a una sorta di processo tecnico, con u’accusa dell’opposizione e una difesa svolta dallo stesso dirigente in posizione non neutra, almeno parlasse dallo scranno della presidenza! Il dirigente non è dirigente della maggioranza, ma del comune di Santa Maria a Vico e quindi della collettività. Certo noi siamo per lo spoil system ma non funziona così in Italia purtroppo.

Anche perché la maggioranza ha certamente la capacità di difendersi dalle accuse dell’opposizione come ben ha fatto secondo noi Michele Nuzzo che ha ricordato come l’ente non ha mai utilizzato anticipazioni di cassa, il revisore dei conti mai problemi ha sollevato, utilizzare parte del disavanzo su 7 milioni di spese correnti è sinonimo di buona capacità amministrativa.

Ma anche sull’assestamento di bilancio se vogliamo siamo a chi la vuole cotta e chi cruda, in quanto l’opposizione vede nero, l’amministrazione vede rosa. Purtroppo senza degli indicatori precisi che ci dicano esattamente se quel parametro è in positivo o negativo non sappiamo davvero anche noi valutare in quanto la materia economica è davvero tecnica e complessa. Infatti se vogliamo è da quanto si è insediata quest’amministrazione che l’opposizione parla di dissesto finanziario, ma ad oggi, diciamo la verità, mai è stato sfiorato questo dissesto. I conti quindi sono in salute? Non lo sappiamo mica perché ripetiamo senza dei parametri certi non abbiamo assolutamente elementi, noi come blog al massimo possiamo sindacare sulle scelte politiche di allocazione delle risorse.

Alla fine è andata così l’ultimo assestamento di questa amministrazione è passato.

Da Settembre si comincerà a guardare al prossimo futuro politico della città e forse qualcuno si sta muovendo già oggi.


 

 

Annunci