Il rimpaso era atteso da tempo e oggi alla fine tutto si è compiuto.

Non mancano le sorprese.

Non è certamente annoverabile tra le sorprese la promozione di Ferrara, anzi, forse arriva anche fin troppo in ritardo.

Un po’ a sorpresa quella di Moniello che è fortemente critico nella fase centrale di questa amministrazione Pirozzi, prima con Iadaresta fondando il gruppo Ad Maiora e poi da solo, per un periodo di tempo, fino a rientrare pienamente nei ranghi.

Altre sorprese sono le esclusioni. Un po’ meno quella di Masiello, lo si sapeva da un po’, fa più rumore quella di Crisci anche perché trattasi del vice sindaco, non proprio un ruolo di secondo piano.

Rimane in carica da 4 anni 9 mesi e 6 giorni, sempre che non abbiamo sbagliato a fare i conti, Veronica Biondo ed è probabilmente un record, ora ricoprendo anche il ruolo di vice-sindaco.

Diciamo che questo più che un rimpasto in ottica presente sembra uno in ottica futura per le prossime elezioni.

Certamente ci ritorneremo.

Quindi la giunta è cosi’ composta:

Veronica Biondo vice sindaco

Giuseppe Nuzzo confermato

Lidia Pascarella confermata

Marcantonio Ferrara new entry

Vincenzo Moniello new entry.

Le deleghe saranno decise in un secondo momento.

 

Annunci