elezioni-amministrative-2019

Ci siamo si chiude oggi la campagna elettorale nei due comuni suessolani interessati: Cervino e San Felice a Cancello.

Come detto a Cervino alto è stato il livello dello scontro con offese e ingiurie da ambo le parti. La strategia scelta è stata quella di mostrare all’elettore le incongruenze dell’avversario più che i pregi propri. Quindi la lista n°1 Forza Cervino ha cercato di dimostrare come la lista avversa che presenta parte degli amministratori uscenti tra cui il sindaco, non sia stata in grado per incompetenza di fare gli interessi del popolo cervinese, dimostrazione questa attraverso alcuni atti -a detta di Forza Cervino- sbagliati.

Dal canto suo Cervino Libera la lista n°2 punta sul fatto che il candidato sindaco non sia in realtà libero di determinare una politica autonoma ma debba poi costantemente chiedere permesso a quelli che – a detta di Cervino Libera- sono i “poteri forti”. In particolar modo si cerca di dimostrare come il candidato sindaco di Forza Cervino sia costantemente sotto dettatura del vero “dominus” della lista che è Enzo Pascarella.

Questo per quanto riguarda Cervino.

Passando a San Felice a Cancello.

Situazione surreale nel più grande comune di Valle di Suessola, due candidati a sindaco a sfidarsi e un terzo escluso che prova a condizionare il voto.

Il risultato sulla carta, come tante volte detto, è già scritto ma come si concretizzerà che è davvero difficile stabilirlo e sarà interessante vederlo.

La campagna elettorale non è stata entusiasmante, giusto in quest’ultima settimana vi è stato un qualcosa in più grazie alla dichiarazione ufficiale di Emilio Nuzzo di appoggiare i 5 stelle. Mossa inevitabile, come anche in questo caso avevamo da subito noi ipotizzato.

Comunque è stata una campagna elettorale che dal lato 5 stelle si è cercato di porre agli elettori una squadra in grado di avere progetti e portarli a compimento. Puntando quindi su una certa capacità ad amministrare e attaccando gli avversari su presunti falsi curriculum. Con tutto il rispetto una questione davvero curiosa visto che il leader nazionale dei 5 stelle e pure vicepremier al massimo può vantare di aver lavorato in uno stadio, dignitoso lavoro, ma povero per governare una intera nazione. Bisogna anche dire che non sono mancati big regionali, ma anche nazionali e di governo a portare il loro sostegno al candidato sindaco Bernardo. 

Le liste invece in appoggio al candidato sindaco Ferrara hanno cercato invece di porre l’accento sulla vicinanza tra loro e il popolo stesso, spesso si è parlato di trasparenza, di casa di vetro, ma soprattutto della pagina bianca del programma da lasciare ai cittadini stessi da scrivere per essere appunto protagonisti e amministratori di se stessi. Una buona idea, ma a questo punto ci viene la curiosità di sapere dopo un mese di campagna elettorale che ci sta scritto in questa pagina, perché se è rimasta bianca è stato un piccolo flop.

Quindi stasera si chiude e poi vi sarà il lungo silenzio, si spera, prima delle tanto attese votazioni, ma ci sarà comunque da aspettare in quanto la precedenza dello spoglio lo avranno le elezioni europee. Ma forse già da lì, almeno per San Felice, potremmo capire qualcosa già in anticipo.


COME FARE CAMPAGNA ELETTORALE DURANTE IL SILENZIO ELETTORALE RISPETTANDO LA LEGGE?

LA RISPOSTA PUOI TROVARLA QUI:

copertina