ARIENZO: LA CORTE DEI CONTI BOCCIA L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE. SIAMO A UN PASSO DAL DISSESTO?

corte-dei-conti-1-2-680x365.jpg

Continuiamo a parlare di Arienzo e del bilancio, ma stavolta da un punto di vista diverso, non per questo meno foriero di conseguenze.

Infatti, stavolta ci occupiamo dei rilievi della Corte dei Conti che nei mesi scorsi ha fatto nei confronti del comune di Arienzo in particolare per l’anno 2016 e precedenti. Rilievi che sono stati depositati in Febbraio 2019 e che sono stati anche lievemente affrontati in consiglio comunale di fine marzo, ma noi siamo riusciti a reperire il testo giusto un paio di giorni fa, non siamo riusciti a trovarlo all’albo pretorio del comune, probabilmente per nostra incapacità.

Vi avvisiamo l’articolo sarà lungo rispetto ai nostri standard, ma so talmente tanti i casini che non possono tacersi, poi parliamo di bilancio che è una materia di per sé molto tecnica.

Dunque, è capitato che la Corte dei Conti si è trovata ad esaminare il bilancio del 2016 del comune di Arienzo e ha riscontrato delle problematiche, dopo di che ha chiesto al comune di fornire delle spiegazioni che sono giunte. Ma la Corte dei Conti ha continuato ad avere perplessità in merito tanto da richiedere un’adunanza pubblica. Precisamente la Corte si esprime in questo modo: sono stati rilevati profili di irregolarità e criticità.

La Corte fa poi un’analisi potremmo dire pezzo-pezzo del bilancio 2016 partendo dagli equilibri di bilancio e flussi di cassa. La Corte in questo caso ha trovato scostamenti tra le previsioni di cassa sia per quanto riguarda le riscossioni, sia per quanto riguarda i pagamenti e le effettive risultanze contabili. Insomma i conti non si trovano.
Ma ancora la Corte aggiunge un problema più grave e cioè che vi sono delle discordanze tra i dati inviati al revisore dei conti e quelli poi inviati al ministero degli interni.

Quindi la Corte chiede al comune di Arienzo di chiarire dove sta la verità. Il comune invia una nota per spiegare meglio sti conti che non tornarno. Ma nonostante questo la Corte conferma gli elementi di criticità, tanto da trovare un deficit di 785.456,80€!

La Corte rileva che il comune fatica a mantenere gli equilibri di bilancio ma cosa grave si riscontra una violazione delle regole e principi contabili nell’utilizzo costante delle anticipazione di tesoreria. Oh ma guarda! Quante volte l’abbiamo detto noi? Ma millemilavolte! https://pungiglioneblog.com/2019/01/16/arienzo-anticipazione-di-tesoreria-again-again-again/

Inoltre le anticipazioni di tesoreria, non sono mai state restituite, ammontano a 1.143.185,70€! Ci rendiamo conto!? La cosa divertente per noi, non certo per voi cittadini di Arienzo e che viene scritto che l’amministrazione non ha nulla da dire in adunanza pubblica se non prenderne atto.

La Corte si concentra sulle anticipazioni mai restituite e chiede dei chiarimenti al comune che in pratica lamenta: la lentezza di monetizzazione da parte dell’ente preposto alla riscossione, lentezze pure della regione campania ad ottenere rimborsi delle rate di mutui a suo carico e poi nella difficoltà dei cittadini nel pagare le tasse. Insomma la colpa è degli altri.

La Corte trova queste spiegazioni non giustificabili e  non condivisibili. Addirittura la corte accusa palesemente l’amministrazione comunale di violare in questo modo l’art.119 della Costituzione!

Ma forse quel che è peggio è che la Corte nota come l’amministrazione non pare abbia individuato la causa dello scompenso di bilancioinsomma non ci stanno a capì niente, né abbia posto finora manovre o riduzioni di spesa … per la serie finché la barca va.

Per quanto riguarda l‘evasione la Corte costata una inefficacia dell’azione amministrativa. 

Parliamo dei fondi per contenzioso, nel 2015 sono accantonati un 10.000€ e nel 2016 addirittura 0,00€! Poi però nella nota inviata alla corte il comune ha inserito un prudenziale, perché il comune non riesce a censire i contenziosi, 900.000€! E lo hanno fatto in quanto si sono resi conto in corso di iter istruttorio che stann nguaiat (perdonate il tecnicismo).

Parliamo dei fondi di dubbia esigibilità, in questo caso lo scempio proprio. La Corte si accorge che pure qua le cose sono fatte ad mentula canis in quanto i soldi accantonati sembrano pochini parliamo di 102.993,77€. L’amministrazione comunale fa un controllo e risponde alla corte dicendo: in merito al FDCE … si rileva che il calcolo che ha portato a alla sua determinazione risulta errato a causa di una imperfetta impostazione dei dati, da parte dell’utente, nel software gestionale dell’Ente. Si sono accorti dell’errore grazie alla Corte dei Conti! 

Quindi hanno messo i dati come Cristo comanda nel software hanno rispedito il tutto alla Corte ed è venuto fuori un: 4.045.973,25€! Ma come cavolo si fa a fare un errore del genere? Capiremmo che si sbagli di un centomila, ma pure cinquecentomila euro ma come si fa a sbagliare i conti di 3 milioni! 

Insomma la Corte rileva un deficit per l’anno 2016 di 5.860.775,07€! 

Delib.-n.-26-arienzo-corte-dei-conti

Signore e Signori questa che avete appena letto -per quel che ne capiamo- è l’anticamera del dissesto finanziario.  Non solo per l’entità in sé ma per una confusione totale, una gestione borbonica delle finanze.

L’amministrazione comunale, in primis Sindaco Davide Guida e delegato al bilancio Gennaro Battisegola e tutta la giunta, dovrebbe spiegare non a noi, ma al popolo arienzano queste cose:

  1. Per quale assurdo motivo al revisore dei conti sono stati consegnati dei dati e al ministero altri riguardanti il bilancio?
  2. Per quale motivo le anticipazioni di cassa non sono state restituite?
  3. In questo bilancio cosa avete posto in atto per soddisfare le richieste della Corte dei Conti?
  4. Al delegato al Bilancio: Non ritiene di aver fallito completamente il suo mandato?
  5. All’opposizione: dormito bene?
  6. Per quanto tempo questo testo della corte è rimasto all’albo pretorio?
  7. Quanto prevedete di recuperare quest’anno del disavanzo che voi avete creato nel 2016?

Sappiamo che difficilmente i cittadini di Arienzo avranno una risposta, noi lo speriamo. Ah il giochino è colpa delle amministrazioni precedenti risparmiatecelo già ne abbiamo fin troppo di sta litania a livello nazionale.

AGGIORNAMENTO: Abbiamo ricevuto risposta in merito al quesito 6 e quindi i rilievi della Corte dei Conti non si trovano all’albo ma sono stati inseriti nella pagina denominata Amministrazione Trasparente, sono lì dal 4 marzo e ci rimarranno a lungo. Comunque è possibile scaricarli cliccando sul link che abbiamo inserito in questo articolo.


copertina

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...