VdS SANITA’: RIDIMENSIONAMENTO OSPEDALE DI MADDALONI. ALTRA TEGOLA SULLA PELLE DEI CITTADINI.

ospedale-maddaloni-1.jpg

Volevamo ricominciare a scrivere questo blog dopo la pausa parlando delle miserie miserabili di questo governo -essendo lunedì giorno abituale- ma dobbiamo rinviare a domani in quanto tiene banco il ridimensionamento dell’ospedale di Maddaloni a pronto soccorso. Situazione questa, che coinvolge inevitabilmente tutta l’utenza di Valle di Suessola già mortificata dal fatto di doversi spostare in una città orribile per curarsi come Maddaloni, città incapace di rinnovarsi culturalmente e politicamente e che tarpa le ali pure alle realtà vicine -vedi liceo scientifico oppure il caso ambito politiche sociali- e ora pure questo.

Il sindaco Davide Guida ieri con un comunicato stampa è stato molto duro un po’ con tutti i protagonisti di questa vicenda da Graziano a De Filippo fino a Piscitelli accusato di non aver portato un solo risultato in questi 4 anni se non soltanto delle dichiarazioni, oltre ai tanti soldi buttati per il potenziamento della struttura. Aggiungiamo noi il “sacrificio” dell’ospedale di San Felice a favore di Maddaloni, si arriva quindi con una pessima programmazione a questa decisione.

Parliamo appunto di soldi e dichiarazioni: era a Marzo del 2018 che Alfonso Piscitelli annunciava per l’ospedale di San Felice oltre 2 milioni di euro per la ristrutturazione dell’ospedale e l’incremento di ben 84 posti letto e si attendeva -parole sue e non nostre- un progetto per per l’adeguamento dell’ospedale di Maddaloni.

Appena un anno prima sempre Marzo ma del 2017 si parlava di un finanziamento di 5 milioni per l’ospedale di Maddaloni annunciato proprio dal consigliere regionale.

Ora, senza polemiche e senza clamore come amerebbe dire il consigliere regionale, ma sti soldi sono stati effettivamente stanziati o erano dichiarazioni soltanto? Se lo sono stati come è possibile che ora si arriva ad un ridimensionamento? Detto questo poi dobbiamo dire che il sindaco di Arienzo ha ragione quando dice allora che è stata fatta quanto meno una pessima programmazione e che si sono buttati migliaia se non milioni di euro.

La nostra preoccupazione adesso è per l’ospedale di San Felice, cosa succederà adesso?

Bisogna però anche spezzare una lancia a favore di Alfonso Piscitelli, in quanto in questi ultimi mesi, seppur limitatamente a comunicati stampa, ha denunciato l’abbassamento del livello qualitativo della sanità in provincia di Caserta. Ci pare che sia l’unico ad aver sollevato la questione.

Ora fare un tavolo con tutti questi protagonisti che dal punto personale si schifano alquanto ci pare complicato.

Noi speriamo visto che il pubblico non vuole sostenere un ospedale in Maddaloni e Valle di Suessola favorire quanto meno l’ingresso di privati che possano occuparsi della sanità locale. Ci pare sia l’unica strada. Ma bisognerebbe trovare infrastrutture adeguate o crearle ad hoc e rendere in sostanza appetibile investire in Valle di Suessola in questo settore.

L’anno non comincia proprio benissimo.


 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...