SMAV: … E LA MONTAGNA PARTORI’ IL TOPOLINO.

montagna_partorisce_topolino

Siamo un po’ delusi da una delibera di giunta comunale che ci ha lasciato davvero con l’amaro in bocca.

Parliamo dei lavori di adeguamento del complesso aragonese ala est che fu donato oramai un annetto fa dai padri oblati e che fu all’epoca oggetto di polemica.

Noi invece guardammo più che al “negozio giuridico” alla sostanza questa volta, e insomma un’ ala est in disfacimento trasformata in biblioteca comunale, museo civico, sala polivalente da utilizzare anche per le sedute del consiglio comunale … e chissà che altro, ci piaceva davvero tanto e ci sembrava anche il tutto adeguato alla centenaria storia del complesso aragonese.

Alla fine la delibera ha stabilito che l’ala est del complesso aragonese sarà sistemata per ospitare la protezione civile.

Insomma la montagna ha partorito il topolino.

La biblioteca, il museo, la sala polivalente? Specchietti per le allodole del consiglio comunale che all’epoca votò per il via libera all’acquisizione dell’immobile.

Sia chiaro non che la protezione civile non meriti una adeguata sede, ma siccome si era partiti con l’ala est con progetti cotanto ambiziosi e di matrice pure culturale, ora invece ci pare un passo indietro.

Anche perché non ci è chiaro come una sede operativa di protezione civile possa armonizzarsi con una struttura tanto antica e ricca di storia che caratterizza nel suo complesso appunto l’intera “città” di Santa Maria a Vico. Secondo noi c’è poco rispetto per i luoghi, i progetti iniziali seppur ambiziosi erano invece davvero lungimiranti, ma come spesso accade quando si passa dall’ideale al reale la lungimiranza cede il passo al piccolo cabotaggio.

Ancora una volta -andiamo a memoria- troviamo lungimirante Danilo di Cecco che in un consiglio comunale proprio parlando del complesso aragonese dubitava fortemente che vi sarebbero stati i soldi per adeguare la struttura alle esigenze di una biblioteca o museo. Infatti così è stato -sembra- visto che si ripiega a sistemare al meglio la struttura per la protezione civile che non ci pare vi debba essere quale accortezza particolare se non le classiche norme sulla sicurezza.

Intanto giusto per informazione il costo per adeguare la struttura alle esigenze operative della protezione civile sarà di oltre un milione di euro.

Che Peccato! 


termotecnica

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...