SMAV: QUANDO LA TOPPA E’ PEGGIO DEL BUCO.

asfalto via appia.jpg

Ancora una volta abbiamo visto giusto. Spesso critichiamo questa amministrazione per alcune mancanze più o meno gravi tra cui certamente va annoverata l’alcuna capacità di manutenzione.

Infatti appena qualche giorno fa avevamo pubblicato un articolo che lamentava della situazione della strada ballerina in tutta via Appia con il basolato che si muove come una sorta di tagadà. Proprio su facebook nei commenti in un gruppo il neo assessore alla viabilità ci aveva detto che la manutenzione di via Appia era già prevista in bilancio. Conoscendo però il modo in cui si concepisce la manutenzione in Valle di Suessola avevamo risposto in maniera un po’ piccata che: “se si tratta di mettere nu poc e caucia rint e sengh non la chiamerei manutenzione”.

Come al solito essendo ottimisti persi pensavamo davvero che avrebbero adottato questa squallida soluzione, invece sono riusciti ad andare ben oltre lo squallore. Infatti in zona Cellaio-Parrocchia può notarsi come le imperfezioni -chiamiamole così- del basolato riqualificato nel 2015 siano state rattoppate con asfalto!

Ci rendiamo conto? Hanno messo l’asfalto!

Ora noi ricordiamo quanti sacrifici è costata questa strada in termini di costi, pazienza, disagi di tutti i tipi.

Era certamente un intervento di riqualificazione che andava fatto, ma vedere che dopo appena 2/3 anni dalla fine dei lavori siamo quasi a livello pre-riqualificazione, addirittura tutti questi disagi, questa pazienza, tutti i costi sono buttati all’aria quando si vedono schifezze di tal natura.

Ora con tutta onestà noi vorremmo sapere: chi ha avallato una cosa del genere?

Che fine ha fatto la ditta che ha eseguito questi lavori? Non siamo tecnici per carità, ma ci sembra un lavoro fatto con molta approssimazione con un basolato attaccato con lo sputo.

Ovviamente nessuno andrà a prendersi la responsabilità di questa cosa orribile, ma ci sarà a breve o forse c’è già stato un incontro tra commercianti e amministrazione e noi speriamo che i commercianti si facciano sentire in qualche modo, perché durante la (non)riqualificazione persero non poche entrate per attendere i comodi della ditta e le amletiche azioni dell’amministrazione.

Qualcuno pagherà. No anzi qualcuno sta già pagando: i cittadini.


 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...